Curiosità sull’ozono

COME SI FORMA IN NATURA L’OZONO?

In natura l’ozono si forma spontaneamente per effetto dei raggi ultravioletti sull’ossigeno della stratosfera, in una fascia compresa tra i 25 ed i 55 Km di quota. Ad una bassa quota sono, invece, rivelabili concentrazioni di ozono estremamente limitate, in quanto quest’ultimo viene costantemente distrutto  a causa delle reazioni con le sostanze organiche presenti nell’atmosfera. L’ozono presente nell’aria, a temperatura ambiente, si scompone nuovamente in ossigeno. La temperatura di scomposizione aumenta con l’aumentare della temperatura ambiente e in presenza di umidità e sostanze organiche.

PERCHÉ L’OZONO HA UN FORTE POTERE DISINFETTANTE?

L’ozono è uno dei più potenti ossidanti disponibili al mondo. L’effetto ossidante è in stretta correlazione con la tendenza dell’ozono alla decomposizione verso la forma O2 (Ossigeno), con liberazione di ossigeno atomico.

DOVE VIENE NORMALMENTE IMPIEGATO L’OZONO?

L’ozono viene impiegato soprattutto per la sua capacità di sterilizzazione dell’aria, dell’acqua e delle superfici in genere. Non solo. Nella disinfezione conservativa di derrate alimentari,  nella sanificazione e deodorazione ambientale, oltre che in alcune reazioni chimiche, ecc…

IN QUALI SETTORI È UTILIZZABILE L’OZONO?

L’ozono è utilizzabile sia per il trattamento dell’aria che dell’acqua e trova un largo impiego nell’uso domestico per la tutela della salute dei componenti del nucleo famigliare. Non solo. E’ utilizzato anche a livello industriale, soprattutto per :

• Disinfezione dell’acqua negli acquedotti 
• Disinfezione dell’acqua nelle piscine (dal 1984 tutte le piscine olimpioniche devono essere purificate con ozono)
• Disinfezione dell’acqua destinata all’imbottigliamento
• Disinfezione di superfici destinate al contatto con gli alimenti
• Disinfezione dell’aria da spore, muffe e lieviti
• Disinfezione di frutta e verdura da pesticidi ed antiparassitari
• Ossidazione di inquinanti chimici dell’acqua (ferro, arsenico, acido solfidrico, nitriti e composti organici)
• Pulizia e sbiancamento dei tessuti
• Disinfezione del legno e delle derrate alimentari
• Per la sintesi proteica, la fotochimica e la produzione di acqua de pirogenata, nel settore farmaceutico

• Disinfezione per autocisterne destinate al trasporto di latte e derivati
• Disinfezione e deodorazione di stanze d’albergo
• Produzione di ghiaccio ozonizzato per la conservazione di prodotti ittici, al fine di diminuire la carica batterica iniziale, eliminare microrganismi prolungando i tempi di conservazione del prodotto
• Disinfezione ambulanze
• Lavanderie industriali
• Ristoranti, mense bar e qualunque attività preposta alla preparazione e/o distribuzione di alimenti

È COMPATIBILE CON LE ATTIVITÀ QUOTIDIANE?

 A convalida dell’assoluta compatibilità dell’ozono con le attività umane, nelle giuste misure, dal 26/06/2001 la FDA Food & Drugs Administration agenzia governativa statunitense, o agenzia per gli alimenti ed i medicinali, ente preposto alla regolamentazione di prodotti alimentari e farmaceutici, ammette l’impiego di ozono anche nei processi produttivi dell’industria alimentare. DAL LUGLIO 1996, CON PROTOCOLLO NR.24482, IL MINISTERO DELLA SANITÀ  ITALIANA HA RICONOSCIUTO L’OZONO COME “PRESIDIO NATURALE PER LA STERILIZZAZIONE DI AMBIENTI”.

SE DESIDERI AVERE TUTTE LE INFORMAZIONI RELATIVE A QUESTO ARGOMENTO, COMPRESE QUELLE CHE RIGUARDANO GLI IMPIEGHI SIA DOMESTICI CHE INDUSTRIALI, SCARICA GRATUITAMENTE LA GUIDA “L’OZONO ED I SUOI BENEFICI” IN FORMATO PDF.